Carnevale Verolano 2019: gli eroi Marvel vincono il primo premio

Colorato, animato, emozionante ed irriverente, il Carnevale Verolano, nella sua 38esima edizione si è riaffermato uno dei più divertenti dell’intera Ciociaria. Carnevale all’insegna del divertimento puro e di una organizzazione impeccabile, quella dell’Associazione culturale Rugantino, che quest’anno ha visto crescere in partecipazione la tanto attesa kermesse. Una kermesse che si è svolta per le strade del Giglio di Veroli sotto gli occhi divertiti e compiaciuti del del Senatore Gianfranco Rufa, del Sindaco Simone Cretaro, dell’Assessore Antonio Perciballi e del Consigliere comunale Lazzaro Cestra. Splendidi e molto ben fatti gli undici carri in lizza: c’erano la tradizione con “I ciociari” realizzato dalla scuola elementare San Giuseppe Le Prata, la fantasia con“Pinocchio” della scuola elementare Giglio l’asilo di Colleciaffone, il sociale con “Noi… cittadini del mondo” realizzato dalla scuola media, dall’asilo nido Giglio e asilo nido Il Pulcino, il racconto biblico con “L’arca di Noè” della contrada Colle Lisi di Ripi, la magia con “Trenino Thomas” arrivato dalla località Sant’Anna di Veroli, la dolcezza di “Peter Pan e l’isola che non c’è” da Monte San Giovanni Campano, i colori degli “Hippys” dalla località Santo Stefano di Alatri, l’allegria di “Zio Paperone” da Sant’Antonio di Ripi, un pizzico di Daisy Town con “Lucky Luke” da Ripi, la selvaticità della “Vita nella giungla” da Sant’Anna di Veroli e gli amati supereroi “The Avengers” da Strangolagalli, vincitori della 38esima edizione del Carnevale Verolano. Fuori concorso un simpaticissimo “Nonno Geppetto” dalla località Valle Sant’Andrea di Veroli. Apprezzatissima è stata la partecipazione dei tantissimi bambini con i loro genitori ed insegnanti delle scuole del territorio che hanno accolto con entusiasmo l’invito che l’associazione Rugantino ha rivolto a tutti gli istituti comprensivi. A dare allegria ulteriore alla sfilata gli storici ed “aficionados” sbandieratori di Cori, quest’anno affiancati dallo strepitoso gruppo folk “Bateria sambarato”, della banda musicale di Amaseno e dal gruppo Street band di Caserta. Assoluta riuscita per la festa che ha riunito a sè la creatività, la plasticità, i colori, i suoni e la fantasia di verolani e non. Un’intera località al servizio di Re Burlone, dai residenti ai commercianti che si sono adoperati per un’accoglienza eccezionale ai tantissimi visitatori che si sono immersi in quell’esplosione di colori, musica ed allegria. Ottimo lavoro delle forze dell’ordine nel compito non facile di garantire la massima sicurezza ed il controllo del traffico e del territorio interessato. All’Associazione Culturale Rugantino ed ai suoi collaboratori vanno pertanto i complimenti per la bellissima manifestazione, come pure un plauso va ai partecipanti dei carri allegorici e a quanti credono ancora al Carnevale Verolano come importante momento di crescita sociale oltre che di aggregazione. E poi si sà: gente allegra, Dio l’aiuta!

Monia Lauroni