Istituto comprensivo Veroli II vincitore del progetto Anter ” Il sole in classe”

Il sole si è seduto tra i banchi di scuola dell’Istituto Comprensivo Veroli II del Giglio di Veroli. Sono stati loro, gli alunni della scuola secondaria di I grado Caio Mario i vincitori del progetto formativo per la conoscenza e il corretto utilizzo delle energie rinnovabili ideato da Anter (associazione nazionale tutela energie rinnovabili). “Il Sole in classe”, questo il nome del progetto ha coinvolto oltre mille realtà scolastiche e 165.000 studenti di tutta Italia. L’Anter da anni promuove campagne informative e formative sulla tutela dell’ambiente anche attraverso l’uso di energie green. Il tutto attraverso l’opera di “ambasciatori” operanti nei diversi territori. Tra loro Danilo Perciballi, Maica Pallisco, Federica Tallini, Roberto Greco e il responsabile NWG Andrea Colapietro, che durante l’anno scolastico sono saliti in cattedra del plesso verolano per insegnare ad alunni e docenti che le abitudini si possono cambiare nel segno di un consumo responsabile e sostenibile. Una sinergia di intenti e “ambasciatori”, docenti e alunni che ha portato la scuola alla vittoria di una fornitura gratuita per 12 mesi di energia elettrica proveniente al 100% da fonti rinnovabili. Un premio utile, meritato e green arrivato nell’istituto mercoledì scorso e consegnato alla Dirigente scolastica Angela Avarello con una bella cerimonia di premiazione a cui hanno partecipato oltre gli alunni ed i docenti, anche il Sindaco di Veroli Simone Cretaro e l’Assessore allo Sport e alle Politiche Sociali Patrizia Viglianti. L’Istituto Comprensivo Caio Mario si è distinto nella categoria “Poesia più emozionante”, proponendo all’attenta giuria una canzone di cui gli stessi alunni sono stati autori del testo e compositori della musica: “Presto, salviamo il nostro mondo!”. Nelle parole della Dirigente Scolastica tutto l’ entusiasmo di chi guida una scuola che accoglie sempre favorevolmente iniziative di questo genere, volte alla salvaguardia del pianeta Terra. Con stesso orgoglioso entusiasmo si è espresso il primo cittadino di Veroli che oltre a sottolineare l’ importanza di un atteggiamento di consumo responsabile è riuscito a strappare anche una promessa agli studenti: di considerare il traguardo raggiunto un punto di partenza per iniziare e continuare con atteggiamenti quotidiani su quella strada di consapevolezza che fa di un cittadino un buon cittadino. Un progetto interessante e vincente che ha coinvolto tutti, dai volontari dell’Anter ai docenti, dalle famiglie alla dirigente scolastica. Ma i veri protagonisti sono stati loro: gli alunni. Ragazzi e ambiente, una combinazione vincente quella che si è esplicitata nell’ istituto verolano. L’ambiente come risorsa, ma specialmente come dovere collettivo, questo l’obiettivo al quale si deve sempre puntare. Anche se si è giovani. Soprattutto se si è giovani. Bravissimi tutti.
Monia Lauroni