Parte la decima Campagna di scavi archeologici alle Terme Centrali di Aquinum

Oggi 18 giugno presso l’Area archeologica di Aquinum nel Comune di Castrocielo sono riprese le annuali attività di ricerca e di scavo archeologico presso le Terme Centrali o Vecciane.

Anche quest’anno, come lo scorso, c’è stato un boom di domande di iscrizioni a partecipare. Oltre 100 richieste distribuite nei diversi turni previsti a giugno, luglio e settembre.

Il Laboratorio di Topografia Antica e Fotogrammetria dell’Università del Salento può vantare
la collaborazione di diversi atenei italiani e stranieri e, dunque, la presenza di giovani studenti che desiderano approfondire le loro conoscenze nel campo archeologico partecipando allo scavo didattico.

Oltre agli studenti provenienti dallo stesso ateneo leccese e frequentanti i corsi di Laurea
Triennale, Magistrale, della Scuola di Specializzazione in Beni Archeologici “Dinu
Adamesteanu” e del Dottorato di Ricerca in Scienze del Patrimonio Culturale, tra gli atenei
italiani figurano:
• Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano
• Università Alma Mater di Bologna
• Università degli Studi di Padova
• Università Ca’ Foscari di Venezia
• Università della Calabria – Unical
• Scuola Normale Superiore di Pisa
• Sapienza Università di Roma
• Università degli Studi di Bari
• Università degli Studi di Firenze
• Università degli Studi di Trento
• Università degli Studi di Cagliari
• Università degli Studi di Napoli Federico II
• Università degli Studi di Torino
• Università degli Studi di Catania
• Università degli Studi di Ferrara
Per i centri di ricerca europei, la provenienza è allo stesso modo vasta ed eterogenea. Sono
presenti, infatti, studenti, dottorandi, dottori di ricerca e post-dottorandi provenienti dalle
seguenti università:
• Università di Barcellona (Spagna)
• Università di Oxford (Inghilterra)
• Università Complutense di Madrid (Spagna)
• Università di Salamanca (Spagna)
• Università di Liège (Belgio)
• Università di Dublino (Irlanda)
• Universidad Autónoma de Madrid (Spagna)
• Universidad Toulouse II Jean-Jaures (Francia)
• Università Lomonossov (Mosca)
• Università di Copenaghen (Danimarca)
L’intenso lavoro portato avanti dal Comune di Castrocielo e dall’ Università del Salento sta
dando i suoi frutti. Il sito archeologico di Aquinum in territorio di Castrocielo è ormai noto non soltanto in Italia, ma anche in Europa. Ne è prova l’elevato numero di studenti delle Università europee che ogni anno chiedono di essere ammessi a partecipare agli scavi di Aquinum. L’Amministrazione Comunale è lieta di andare nella direzione giusta.