Migrante tenta il suicidio dopo aver perso lo status di rifugiato, salvato dai carabinieri

Questa mattina i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Isernia sono intervenuti in via Gorizia perché uno straniero della Costa d’Avorio, senza fissa dimora, in evidente stato di alterazione psicofisica, aveva posto in essere atti di autolesionismo con tagli ai polsi e propositi di suicidio tramite l’ingerimento di candeggina.

Fortunatamente veniva salvato solo grazie all’intervento provvidenziale dei Carabinieri che lo bloccavano mentre stava ingerendo il liquido e lo riportavano alla calma.

Sul posto è intervenuto anche il personale del 118 che ha provveduto a trasportarlo presso il locale Ospedale per gli accertamenti.

Da una prima ricostruzione dei militari, l’insano gesto, con molta probabilità, può essere riconducibile alla perdita dello status di rifugiato, in quanto lo straniero fino a poco tempo fa era ospite di un centro di accoglienza temporaneo locale.

Non si escludono, però, altre motivazioni attualmente al vaglio dei Carabinieri.