Veroli, il Comandante della Polizia locale Ivano Berti lascerá l’incarico

Nei prossimi giorni il Comandante Berti lascerà il Comando dei Vigili Urbani di Veroli per essere destinato ad altro incarico, in un’altra città. E quando arriva il momento del commiato da qualcuno che ha condiviso, per due intensi anni, successi, gioie, lutti, problemi ed eventi, la città necessariamente deve salutare come si salutano gli amici. Gli amici quelli che Primo Levi definiva “amici nel senso vasto della parola, persone viste una volta sola o praticate per tutta la vita: purché fra noi, per almeno un momento, sia stato teso un segmento, una corda ben definita…”. Ed è esattamente quello che è successo a Veroli con il Comandante Berti. Rispettato, stimato, benvoluto da tutti. Un’educazione di altri tempi, un umanità quasi dimenticata, lo stesso rispetto per tutti i cittadini, un aplomb che forse era dovuto agli anni passati nella folgore. Una vita in divisa, al servizio di tutti. Un atteggiamento equilibrato, saggio e tranquillo, come ispirato dal filosofo di Stagira ad indicargli l’uomo e le faccende umane. Nel suo incarico di comando a Veroli ha sempre seguito quelle tracce, instradando energie, impegno ed equità nel cammino di ogni giorno, con maggiore tenacia se la strada diventava più impervia. E’ stato una presenza sicura sul territorio, oltre ad essere un gran tifoso delle squadre sportive locali. Di Veroli ne ha vissuto appieno i sapori, gli odori, i palazzi, i vicoli, i dialetti, i tramonti ed i suoi prati. Con lo stesso legame che ha dimostrato verso questa città, Veroli, la Veroli dei cittadini, oggi lo saluta e lo ringrazia, così, con una stretta di mano, come si fa con gli amici. Cieli azzurri Comandante!