Seconda Giornata Nazionale delle Vittime Civili delle guerre e dei conflitti nel mondo, il programma

Una giornata di grande sensibilizzazione per costruire la cultura della pace, è questo il tema centrale della Seconda Giornata Nazionale delle Vittime Civili delle guerre e dei conflitti nel mondo promossa dall’Associazione Nazionale Vittime Civili di Guerra sezione provinciale di Frosinone insieme all’associazione Ciechi di Guerra sezione di Cassino. La manifestazione si terrà domenica 24 marzo a Cassino presso l’Aula Pacis.
L’apertura dei lavori è prevista per le ore 9.00 con l’accoglienza degli ospiti nell’Aula Pacis, subito dopo si entrerà nel vivo della giornata attraverso il racconto di alcuni episodi di violenza subiti dalle donne del Cassinate rielaborato dai fascicoli originali depositati presso l’archivio dell’Associazione a cura di Paola Caramadre e Antonio Nardelli e interpretato da Vera Cavallaro.
Il presidente provinciale dell’Anvcg, il cavaliere Giovanni Vizzaccaro, porterà il saluto dell’Associazione e presenterà i temi principali della manifestazione, seguirà il saluto di benvenuto del commissario prefettizio del Comune di Cassino Benedetto Basile.
Attraverso la rappresentazione teatrale curata da Patrizia Velardi si tornerà indietro nel tempo alle pagine più buie della seconda guerra mondiale nel territorio Cassinate.
La manifestazione sarà dedicata alle donne vittime civili di guerra attraverso l’intervento del presidente dell’Associazione Nazionale Vittime delle Marocchinate Emiliano Ciotti, mentre Luciano Randazzo illustrerà alcuni aspetti giuridici in merito alle iniziative intraprese dall’associazione. Lo storico Roberto Molle curerà una ricostruzione del conflitto sul territorio. Si susseguiranno gli interventi delle autorità presenti e verrà assegnato un riconoscimento alle scuole della provincia che hanno partecipato al premio nazionale istituito dall’Anvcg. Al vice delegato Aurelio Frulli dell’Associazione Nazionale Vittime Civili di Guerra sarà affidato l’intervento conclusivo. La manifestazione terminerà con un corteo con i labari e il gonfalone di Cassino fino al monumento delle Vittime Civili di Guerra e la deposizione di una corona.
La giornata sarà moderata da Pierluigi Di Raddo e Paola Caramadre