Commercio a Veroli. Incontro del candidato a sindaco Marco Bussagli con i commercianti del centro storico

Il 3 aprile scorso, nella sede elettorale di Borgo Santa Croce, il candidato a sindaco Marco Bussagli ha incontrato un folto gruppo di titolari di attività commerciali del centro storico. ‘Eroi’ come li ha definiti lo stesso Bussagli viste le numerose problematiche relative al commercio in questa zona di Veroli. Problematiche impegnative e, in ogni caso, diverse da quelle che si possono riscontrare altrove. Veroli, uno dei paesi più estesi e suggestivi del Lazio, soffre di una profonda crisi commerciale. Parrebbe un ossimoro, invece non lo è. “La riduzione del numero degli abitanti rispetto al passato – ha dichiarato Bussagli – impone un’azione energica che cerchi di azzerare gli errori fatti, a cominciare dalla scellerata scelta di barattare il Distretto scolastico con la Comunità Montana. Le scuole, di ogni ordine e grado sono un motore economico di primaria importanza. Il mio impegno sarà quello di portare sul territorio scuole provinciali d’indirizzo tecnico e professionalizzante, oltre alla volontà d’insediare una Facoltà di Agraria, variamente dislocata sul territorio, ma con sede amministrativa nel centro storico. Fondamentale la programmazione annuale della stagione turistica da consegnare all’Ente per il Turismo di Frosinone che veicolerà alle varie agenzie. Quello da evitare – ha sottolineato ancora il candidato Sindaco – è il turismo ‘mordi e fuggi’ che non produce economia. Vanno quindi potenziate le iniziative esistenti ampliando l’offerta con una programmazione stagionale chiara e definita per ogni mese dell’anno”. Sono quindi emerse le criticità della ZTL i cui orari andrebbero rimodulati tenendo conto dei periodi di maggiore o minore affluenza. Interessante, poi, la richiesta dei gestori degli esercizi commerciali di rendere omogenee le insegne del centro storico. Un progetto che avevo proposto quando ero assessore alla Cultura e Turismo”. Bussagli ha lanciato la proposta di organizzare una sorta di “Associazione Commercianti del Centro Storico” (ACCS) che possa costantemente dialogare con l’Amministrazione per prevenire criticità e intervenire tempestivamente. In questa fase confusa è necessario fare rete come è indispensabile attuare una politica di incentivazione e di promozione che tenga conto dell’esclusività del territorio ernico, custode di una ricchezza senza confronti mai sfruttata, al fine di offrire un prodotto turistico di grande eccellenza. Quello del 3 aprile è stato un momento di sereno e costruttivo confronto che non rimarrà isolato, ma destinato a ripetersi con incontri regolari. Fronteggiare la crisi commerciale è un’azione che va affrontata con assoluta priorità e che non può prescindere da una concreta attività tesa al rilancio dell’immagine di Veroli. Impresa ardua, ma alla base di tutto c’ è sempre la volontà. Allora tutto può rinascere. Anche i periodi di crisi, possono diventare un momento indispensabile di valutazione, di discernimento e di cernita, trasformandosi, con azioni mirate, nel presupposto necessario per un rifiorire prossimo. Per una Veroli sempre più Viva.

Monia Lauroni